RICETTE – Frittata rognosa

Sicuramente è un piatto di origine contadina e, in quanto tale, conserva i sapori sinceri della genuinità dei prodotti locali. Si perché questa ricetta si ritrova in ogni regione d’Italia (come tante altre, d’altra parte) e quindi si arricchisce di prodotti diversi, di varianti e aggiunte a seconda della zona di preparazione.

Nelle Marche si aggiunge il ciauscolo, tipico salume spalmabile; in Calabria si usa la soppressata, in Lombardia la lugànega, in certe zone del Sud la ‘nduja, in gran parte del resto d’Italia la salsiccia o il salame o, come nel caso della nostra ricetta, carne magra cotta.

In certe zone si cuoce la frittata con il burro, in altre con l’olio.

Si possono aggiungere erbe di stagione come bietole o spinaci.

Insomma una soluzione saporita e ricca di valori nutrizionali.

 

Ingredienti per 4 persone:

8 uova

2 cucchiai di panna liquida

50 gr di burro

olio

100 gr di carne magra cotta

50 gr di salame

sale e pepe

Preparazione:

In una terrina sbattere le uova, unire la carne cotta e il salame tritato, la panna liquida, sale e pepe. Amalgamare bene, versare il composto in una padella con un poco di burro e preparare la frittata. Farla ben dorare da entrambe le parti e servirla calda.

(Immagine: “Sale&Pepe”)

PARLIAMO DI … Galateo

IL COLTELLO

Posto d’eccezione a tavola è destinato al coltello che, come benissimo sappiamo tutti, è posto a destra del piatto e dopo di esso verso l’esterno si posiziona il cucchiaio. Ricordiamo che la lama va rivolta sempre verso l’interno e non verso l’esterno.

Il coltello rappresenta “l’utensile” più arcaico, infatti è utilizzato già in epoca primitiva e la sua evoluzione va di pari passo con l’affinamento delle arti di lavorazione del metallo.

I coltelli sono di varie tipologie ma sicuramente dobbiamo ricordare che per la frutta e per il pesce è necessario apparecchiare la tavola prevedendo i coltelli adatti. Non c’è bisogno di ricordare che per nessuna ragione è ammesso portare il coltello alla bocca e che deve essere tenuto con la mano destra senza che l’indice oltrepassi il manico e tocchi la lama. 

Non tutti gli alimenti vanno tagliati con il coltello, infatti il suo uso è concesso principalmente, se non esclusivamente, quando viene servita la carne. Non utilizzatelo mai per tagliare le uova, le verdure e le patate, massima attenzione al pesce e al formaggio, mai viene utilizzato il coltello semplice, ma in entrambi i casi si utilizza il proprio coltello. 

Un consiglio: se organizzate un buffet in piedi evitate di servire portate che necessitano l’uso del coltello, può essere scomodo e spiacevole per i vostri invitati. 

In ultimo, un’altra accortezza: è di per sé estremamente maleducato gesticolare, ancor di più se lo si fa a tavola, oltremodo se lo si fa con una posata tra la mani.

(Fonte:  Accademia Italiana del Galateo  Immagine: Made in Design)