Barchette con crema di parmigiano e uva

 

barchette-crema-parmigiani-e-uvaINGREDIENTI per 6 pezzi

23 gr Latte intero freddo

95 gr farina 00

75 gr Burro freddo

75 gr Parmigiano reggiano

1 pizzico Sale fino

Pepe nero q.b.

2 rametti Timo

una manciata di fagioli secchi


PER LA CREMA AL PARMIGIANO
50 gr Parmigiano reggiano da grattugiare

125 gr Latte intero

13 g Farina 00

13 gr Burro


PER GUARNIRE
6 acini Uva bianca

6 Gherigli di noci

Timo q.b.

Parmigiano reggiano in scaglie q.b.


PREPARAZIONE

Iniziate a preparare la base di frolla salata, cominciate versando la farina nella brocca di una planetaria munita di foglia. Unite anche il Parmigiano , il burro freddo di frigo tagliato a cubetti, il pepe e il sale e le foglioline di timo. Azionate la planetaria a velocità media, aggiungete la dose di latte freddo a filo e fate andare la planetaria fino a quando non si forma una massa piuttosto compatta (se non avete una planetaria, potete tranquillamente preparare questo impasto a mano, cercando di impastare velocemente e brevemente per non scaldare troppo la frolla). Trasferite l’impasto sul piano da lavoro (possibilmente freddo) e lavoratelo quanto basta per dargli la forma di un panetto. Appiattitelo leggermente con le mani. Avvolgetelo con pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigo per 30 minuti. Trascorso questo tempo, recuperate il panetto e stendetelo con il mattarello su di una spianatoia leggermente infarinata, fino allo spessore di 3 mm. Utilizzando un coppapasta del diametro 11 cm ritagliate 6 dischi. Imburrate 6 stampini a barchetta lunghi circa 10 cm e alti circa 2 cm con il bordo ondulato; adagiate all’interno il disco di pasta ottenuto, facendolo aderire bene sul fondo e sui bordi.

Poi con un coltello tagliate via l’eccesso di pasta per pareggiare il bordo. Adagiate all’interno di ciascuna barchetta un rettangolo di carta da forno e distribuite i fagioli secchi . Cuocete le barchette per 15 minuti circa in forno statico preriscaldato a 200 c° nel ripiano centrale.

Mentre la barchette cuociono preparate la crema la Parmigiano. Versate il latte in un tegame dai bordi alti e scaldatelo senza raggiungere il bollore. Poi in un altro tegame fate sciogliere a fuoco dolce il burro. Una volta che si sarò sciolto aggiungete la farina a pioggia.

Mescolate con una frusta per ottenere un roux ben amalgamato e dal colore dorato. Aggiungete il latte scaldato in precedenza poco alla volta al roux, sempre mescolando con la frusta. Continuando a mescolare, fate cuocere il composto a fuoco basso. Quando il composto si sarà addensato, togliete il pentolino dal fuoco e unite il Parmigiano reggiano grattugiato poco alla volta, amalgamandolo al composto sempre con le fruste a mano. Dovete ottenere una consistenza piuttosto densa.

Trasferite la crema in una ciotola, copritela con la pellicola e lasciatela raffreddare. Nel frattempo le barchette saranno cotte, sfornatele togliete la carta forno, lasciate intiepidire. Quindi sformatele delicatamente se possibile su una gratella in modo che possano raffreddarsi del tutto; potete quindi iniziare a farcirle: lavate gli acini d’uva e tagliateli in tre parti nel senso della lunghezza. Riempite le barchette con un cucchiaio di crema al Parmigiano.

Adagiate sopra ciascuna barchetta le 3 fettine di uva e un gheriglio di noce, completate con le scaglie di grana e aromatizzate con delle foglioline di timo.

Conservazione

Si consiglia di consumare al momento le barchette con crema al Parmigiano. La crema di Parmigiano può essere conservata per 2-3 giorni in frigo coperta con pellicola. Le barchette si possono conservare senza farcitura per 5-6 giorni in una scatola di latta.

Consiglio

In alternativa potete realizzare come base una comune pasta brisèe e aromatizzarla con timo oppure se preferite con origano

(Fonte: sito “Giallo Zafferano”)

SFORMATINI DELICATI DI TACCHINO

sformatini-delicati-di-tacchino-480x360

INGREDIENTI per 6 persone

200 gr fesa di tacchino

2,5 dl di panna fresca

2,5 dl di latte

50 gr parmigiano reggiano grattugiato

3 tuorli + 2 uova intere

1 mela rossa

1 pomodoro

1 rametto di timo

50 gr di nocciole sgusciate

noce moscata

1 bicchierino di liquore tipo cognac o brandy

burro

sale e pepe

PREPARAZIONE
Preparare il composto tritando finemente la fesa di tacchino al mixer. Aggiungere la panna, le uova, il latte, il parmigiano reggiano grattugiato, sale, pepe e noce moscata, frullando ancora fino ad ottenere un composto omogeneo.

Suddividere il composto ottenuto negli stampini imburrati, livellando la superficie e battendoli delicatamente sul piano di lavoro, per eliminare l’aria che creerebbe spazi vuoti. Scaldare il forno a 170° C. Disporre gli stampini in una larga teglia e riempirla di acqua bollente fino a metà altezza dei contenitori. Infornare gli stampini e cuocerli a bagnomaria per circa 30 minuti, finché saranno rassodati e leggermente dorati in superficie, verificando la cottura con uno stecchino.

Lavare la mela e il pomodoro e asciugarli. Dividere il pomodoro a metà, eliminando i semi, l’acqua di vegetazione e riducendo la polpa a dadini. Affettare sottilmente la mela, senza sbucciarla. Sciogliere 2 cucchiai di burro in una padella antiaderente, rosolare le fette di mela 1 minuto per parte. Bagnare con il liquore e lasciare evaporare. Unire le nocciole tritate e il timo pulito. Abbassare la fiamma e cuocere per circa 2 minuti, lasciando le fette di mela croccanti. Suddividere la mela in piattini individuali, aggiungere gli sformatini caldi o tiepidi. Completare con i pomodori e qualche fogliolina di timo.

CONSIGLI E VARIAZIONI

– Questi sformatini possono essere preparati anche sostituendo la fesa di taccino con la stessa quantità di petto di pollo o di fesa di vitella o lonza di maiale oppure, addirittura, un mix di queste carni.

– Le mele più indicate per questa ricetta sono principalmente quelle con la buccia rossa, tipo Stark o Delicious, ma possono essere usate anche mele verdi tipo Granny Smith dal sapore acidulo o le più dolci renette.

– Questi sformatini possono essere preparati anche il giorno prima e riposti in frigorifero, ben sigillati. Al momento di utilizzarli passarli in forno già caldo a 170° C per circa 10 minuti prima di servirli. Cuocere le fette di mela solo al momento di servire.

– Si può anche frullare la mela con il fondo di cottura e servire la salsina a parte.

Fonte: immagine “DonnaModerna”

testo: “Cucina No Problem”

BAULETTI CON VERDURE

Un antipasto gustoso e facile da preparare.

bauletti-di-verdure

INGREDIENTI per 4 persone

450 gr di pasta sfoglia

1 uovo

1 porro

225 gr di patate

100 gr di punte di asparagi

2 funghi champignon

1 cucchiaino di succo di limone

1 cucchiaino di timo fresco tritato

40 gr. di burro

sale e pepe

PREPARAZIONE

Stendere la pasta sfoglia e ricavarne 4 quadrati di circa 13 cm di lato, disporli su una placca da forno unta con 10 gr di burro e incidere al centro di ciascun ritaglio di pasta un quadrato di 6 cm di lato. Spennellare la pasta con l’uovo sbattuto e fate dorare e gonfiare i bauletti nel forno già caldo a 200° C per 20 minuti.

Nel frattempo lessare le patate tagliate a dadini, in acqua bollente per 15 minuti. Sbollentare le punte di asparagi per 10 minuti e sgocciolarli bene.

Sfornare i bauletti, tagliare delicatamente i quadrati centrali e tenerli da parte.

Sciogliere il burro rimasto in una padella antiaderente e far soffriggere il porro e i funghi affettati per 2-3 minuti. Aggiungere il succo di limone, il timo, il sale e il pepe e unire le patate e gli asparagi.

Lasciare insaporire, togliere dal fuoco, versare il ripieno nei bauletti, coprire con i quadrati di pasta sfoglia messi da parte e portare in tavola.

Fonte: immagine “La locanda del gusto”
Testo: “Enciclopedia della Cucina Italiana” – Ed. De Agostini